Collepardo (Fr)

Collepardo (Fr)
Collepardo (Fr)

domenica 22 maggio 2016

Le raccomandazioni europee sul Programma nazionale di riforma e sul Programma di stabilità 2016 dell'Italia

Il 18 maggio u.s., sulla base dei Programmi di Stabilità o di Convergenza e dei Programmi Nazionali di Riforma, la Commissione europea ha adottato le raccomandazioni di politica economica specifiche per ciascun paese per i prossimi 12-18 mesi (di seguito: raccomandazioni) che verranno adottate nel mese di luglio dal Consiglio. A riguardo si evidenzia come, rispetto al passato, la Commissione abbia ridotto di 6-12 mesi l'orizzonte temporale delle raccomandazioni, prevedendo per molti Paesi dei momenti ulteriori di verifica in corso d'anno (ad esempio luglio per Spagna e Portogallo e autunno per l'Italia).
Nel caso dell'Italia si è passati dalle 8 raccomandazioni del 2014 alle 6 del 2015 alle 5 raccomandazioni di quest'anno.
La seconda raccomandazione riguarda la Pubblica amministrazione, il contrasto alla corruzione e la giustizia civile.
In merito a tale argomento, la Commissione raccomanda di attuare la riforma della pubblica amministrazione adottando e applicando tutti i decreti legislativi necessari, in particolare in materia di riforma delle imprese pubbliche locali, servizi pubblici locali e gestione delle risorse umane; potenziare la lotta contro la corruzione riformando l'istituto della prescrizione entro fine 2016; ridurre la durata dei procedimenti civili dando attuazione alle riforme e assicurando una gestione efficiente delle cause. La Commissione UE, al punto 14 delle premesse riconosce come la riforma della PA possa aumentare l'efficienza e migliorare la qualità nel settore pubblico. In tal senso rivestono un ruolo cruciale i decreti legislativi sulle imprese di Stato e sui servizi pubblici locali, proposti dal governo a gennaio 2016, e il decreto sul pubblico impiego. Le raccomandazioni lamentano la mancata revisione sistematica dell'istituto della prescrizione, malgrado recentemente il contrasto alla corruzione sia stato intensificato (tra le altre cose inasprendo le sanzioni ed estendendo i termini di prescrizione per determinati reati di corruzione). Altro problema rilevante è la frode contabile. In relazione alla giustizia persistono i problemi storici connessi alla durata dei procedimenti e al numero di cause pendenti nella giustizia civile e commerciale: solo con un monitoraggio degli effetti dei provvedimenti fin qui adottati, si potrà valutare se sarà necessario integrarli con altre disposizioni.
Fonte: Servizio del Bilancio, (2016). Nota breve, "Le raccomandazionieuropee sul Programma nazionale di riforma e sulProgramma di stabilità 2016 dell'Italia". Senato della Repubblica.

Nessun commento:

Posta un commento