Collepardo (Fr)

Collepardo (Fr)
Collepardo (Fr)

domenica 25 gennaio 2015

La Madia sulla riforma della PA: spoils system della dirigenza pubblica contro la corruzione!

In un'intervista di Gianni Trovati apparsa questa mattina, 25 gennaio, sul quotidiano Il Sole24Ore a pag. 9, il Ministro della Funzione Pubblica Marianna Madia dichiara espressamente che sul DDL 1577 di riorganizzazione della pubblica amministrazione ci sarà una discussione parlamentare aperta che potrà condurre a modifiche del testo proposto.
Nella stessa intervista il Ministro spiega che con il sistema dello sistema spoils system dei dirigenti verrà creato un argine a tanti fenomeni, primo tra tutti quello della corruzione.
A prescindere dalle valutazioni in merito alla conformità costituzionale di tale idea, credo che a questo punto il Ministro ed il Parlamento dovrebbero necessariamente effettuare un passaggio che, a mio avviso "colpevolmente", non hanno fino ad ora effettuato. In Italia esiste un'Autorità Nazionale Anticorruzione che questo governo sta arricchendo di poteri. 
Perchè non procedere ad un'audizione del Presidente Cantone su questa idea di Amministrazione pubblica funzionale alla lotta alla corruzione? 
Il presidente Cantone, in altra audizione sulla riforma del codice degli appalti, ha avuto modo di esprimere il suo pensiero in merito ad alcune nomine nelle procedure di gare pubbliche. Lo stesso Cantone ha avuto modo di chiarire la sua posizione anche in merito all'idea di abolire i Segretari comunali.
Se uno degli scopi della riforma della PA è anche quello di arginare il fenomeno della corruzione, più che qualunque altra parola credo sia fondamentale ascolare il parere dell'Autorità Nazionale Anticorruzione.
Mi auguro che questo passaggio sia fatto al più presto. D'altra parte a cosa servirebbe un'Autorità Nazionale Anticorruzione se al momento di riscrivere le regole fondamentali sul funzionamento dell'Amministrazione pubblica, non si chiedesse il suo parere autorevole e sicuramente illuminato.
Di seguito uno stralcio delle dichiarazioni del Ministro Madia nell'intervista pubblicata questa mattina dal quotidiano Il Sole24Ore.
«Lo scopo della riforma è il rafforzamento dell’autonomia dei dirigenti – spiega al Sole 24 Ore il ministro della Funzione pubblica Maria Anna Madia – e se c’è bisogno di cambiamenti e miglioramenti perché l’obiettivo sia più certo li accoglieremo. Martedì scadono i termini per i sub-emendamenti, e vogliamo che la discussione parlamentare sia aperta come lo è stata qualche mese fa sul decreto sulla Pa: “sanatorie” o “colpi di spugna” non sono nelle nostre intenzioni».
Nell’ottica di Governo e maggioranza, insomma, la riforma dovrebbe precisare le responsabilità dei dirigenti per rafforzarne l’autonomia. «Tra il modello dello spoils system e quello della dirigenza di ruolo, entrambi legittimi, noi scegliamo il primo – spiega il ministro – perché siamo convinti che una dirigenza forte possa fare da argine a tanti fenomeni, a partire dalla corruzione. Per riuscirci bisogna dare ai dirigenti gli strumenti per dire di no alla politica quando serve».
Qui il link all'articolo integrale.
In argomento vedi anche il successivo post Lettera della Madia al Foglio: dirigenza pubblica di ruolo (e di qualità) per arginare la corruzione!

Nessun commento:

Posta un commento