Collepardo (Fr)

Collepardo (Fr)
Collepardo (Fr)

martedì 17 gennaio 2017

Il Consiglio di Stato ha reso il parere sulle modalità di attuazione della sentenza della Corte costituzionale n. 251 del 2016 sulla riforma Madia

Il Consiglio di Stato ha pubblicato oggi, 17 gennaio 2017, il parere sul quesito posto dal Ministero per la semplificazione e la pubblica amministrazione sulle modalità di attuazione della sentenza n. 251 del 2016 della Corte costituzionale.
La Corte, lo scorso 25 novembre, aveva dichiarato incostituzionale la riforma della pubblica amministrazione (cd. Legge Madia – l. n. 124 del 2015), nella parte in cui la delega aveva previsto solo il “parere” e non l’“intesa” con le Regioni per cinque decreti legislativi di attuazione (servizi pubblici, dirigenza, dirigenza sanitaria, licenziamento disciplinare, società partecipate). I primi due decreti legislativi non sono stati più adottati, gli altri tre erano già in vigore al momento della sentenza della Consulta.
Quanto alla riforma della dirigenza, si legge nel comunicato stampa redatto che il parere segnala "l’importanza di intervenire anche per i settori per i quali la delega è scaduta (dirigenza e servizi pubblici). Un percorso possibile è quello di una nuova delega, ma non è l’unico (ad esempio, è ipotizzabile anche un disegno di legge governativo avente, almeno in parte, il contenuto del decreto delegato che andrebbe a sostituire).
Si rileva, però, che la Corte costituzionale non si è pronunciata su come assicurare il principio di leale collaborazione con le Regioni per procedimenti legislativi diversi da quello della legge delega. E d’altra parte – conclude il parere – “apparirebbe problematico individuare per il Parlamento vincoli procedimentali diversi e ulteriori rispetto a quelli tipizzati dalla Carta costituzionale”.
Qui il link al comunicato stampa.

1 commento:

  1. segretario bassa lombardia18 gennaio 2017 12:06

    Se il ddl interviene su materie in cui vi è competenza delle regioni
    RIMANE LA NON LEGITTIMITA' ,L'INCOSTITUZIONALITA'

    PIU' CHE SCORCIATORIA ,E' UNA STRADA DESTINATA A FRANARE

    RispondiElimina