Collepardo (Fr)

Collepardo (Fr)
Collepardo (Fr)

venerdì 22 luglio 2016

Il nuovo Codice degli appalti? Un vero capolavoro: 181 errori su 220 articoli. Imprecisioni, sviste e incongruenze di un funzionario sciatto (e anonimo) stravolgono una norma fondamentale

Centottantuno errori! Finisse sottomano ai maestri d’una volta, il dirigente di Palazzo Chigi che ha vistato il «Codice degli appalti», quello famoso che doveva «far ripartire l’Italia», sarebbe spedito dietro la lavagna col berretto a punta da somaro. Come si può incasinare una legge fondamentale con 181 errori su 220 articoli? C’è poi da stupirsi se il valore delle gare bandite, in questo caos, è crollato secondo l’Ance del 75 per cento? «Voglio la testa dell’asino», dirà probabilmente Matteo Renzi nella scia del celeberrimo «Voglio la testa di Garcia» di Sam Peckinpah. Anche noi.
Nome, cognome, ruolo. Per sapere se magari ha avuto lui pure il premio di «performance» come l’89% (ultimo dato disponibile) degli alti burocrati della presidenza del Consiglio. Tutti bravissimi, tutti intelligentissimi, tutti preparatissimi.
Inizia così l'articolo di Gian Antonio Stella dal titolo Il nuovo Codice degli appalti? Un vero capolavoro: 181 errori su 220 articoli. Imprecisioni, sviste e incongruenze di un funzionario sciatto (e anonimo) stravolgono una norma fondamentale pubblicato sul Corriere della Sera e segnalatoci dal collega Luca Costantini.

Nessun commento:

Posta un commento