Collepardo (Fr)

Collepardo (Fr)
Collepardo (Fr)

venerdì 2 novembre 2018

U.N.S.C.P., CGIL, CISL e UIL dichiarano lo stato di agitazione dei Segretari comunali

Con una nota inviata al Ministero dell’Interno, al Ministero della Funzione Pubblica, all'Anci e all'Upi, le Organizzazioni Sindacali U.N.S.C.P., CGIL, CISL e UIL dichiarano lo stato di agitazione dei Segretari comunali.

Nel documento alla base della dichiarazione le citate Organizzazioni Sindacali "preso atto che:

  • nell’anno 2017 non sono stati banditi né svolti i corsi di specializzazione per l’avanzamento in carriera (Spes e Sefa) e le risorse finanziarie appositamente stanziate, ammontanti a circa 5 milioni di euro sono per tale ragione rimaste inutilizzate e devolute alle autonomie locali;
  • tale mancata attività di formazione, oltre ad impedire l’avanzamento in carriera dei Segretari, costituisce di per sè stessa un oggettivo ed incontestabile disvalore rispetto alla riconosciuta esigenza di investire sull’accrescimento delle competenze e della professionalità della dirigenza pubblica;
  • nell’anno 2018 le scriventi Organizzazioni Sindacali hanno rappresentato più volte la necessità di indire i corsi di specializzazione, evidenziando come, alla luce della mancata erogazione della formazione nel 2017, il ripetersi di tale eventualità per ben due anni di seguito sarebbe stato un fatto di ancora maggiore gravità;
  • nonostante le rassicurazioni ricevute dal Responsabile dell’Albo nell’incontro del 26.09.2018, in ordine alla riconosciuta rilevanza della questione, ad oggi non risulta né sbloccata l’indizione dei Corsi di Specializzazione in oggetto né convocato il Consiglio Direttivo dell’Albo, sede istituzionale preposta; 
  • tale fatto risulta inaccettabile ed incomprensibile tanto più che non si tratta di decisioni eccezionali ma piuttosto di attività stabili ed ordinarie rientranti nel quadro di una semplice buona gestione ordinaria dell’Albo e delle risorse formative a loro volta ordinariamente previste e stanziate;

Le modifiche alla Riforma Madia presenti nel Disegno di Legge di Bilancio 2019

Fra gli interventi previsti nel Disegno di Legge di Bilancio 2019 è stato inserito un articolo che limiterebbe gravemente l’efficacia della Riforma Madia sulle società partecipate. Questo articolo stabilisce che le disposizioni presenti in due commi fondamentali del Testo Unico sulle partecipate (quelli che determinano le tempistiche per l’alienazione delle partecipazioni e la perdita dei diritti sociali del socio pubblico nel caso in cui l’alienazione non avvenga) non debbano essere applicati fino al 31 dicembre 2021 se le partecipazioni pubbliche siano in società che abbiano registrato un risultato netto medio in utile nei tre anni precedenti. Se questo intervento dovesse essere confermato dal parlamento, si tratterebbe di un altro duro colpo alla riforma Madia. L’insieme di partecipazioni da alienare (già ridotto, a causa dell’eccessiva genericità dei criteri stabiliti nel Testo Unico) verrebbe ristretto ulteriormente, rendendo ancora più difficile il percorso di razionalizzazione delle partecipazioni pubbliche intrapreso negli anni passati.

Dipendenti pubblici, 1,1 miliardi ai contratti ma il 70% dei fondi è già bloccato. Per le trattative restano aumenti medi da 10 euro lordi

La legge di bilancio mette sul piatto del prossimo anno 1,1 miliardi per il rinnovo dei contratti del pubblico impiego. Ma il 70% di questi fondi è già «prenotato» per vincoli di legge o per destinazioni di fatto obbligate. Sul tavolo delle trattative restano insomma 330 milioni, che si tradurrebbero in un aumento medio da poco meno di 10 euro a dipendente. Difficile quindi che il confronto parta davvero. E anche per il 2020 e 2021 i binari sono stretti.

È la relazione tecnica trasmessa in Parlamento insieme alla legge di bilancio a trasformare in cifre i risultati del confronto tra la Funzione pubblica e il ministero dell’Economia sulle buste paga degli statali. Tra le voci del programma inviato a Bruxelles il rinnovo contrattuale dei dipendenti pubblici non c’era. Nella manovra è stato invece inserito un articolo, il 34, intitolato al «rinnovo contrattuale 2019-2021» dei dipendenti pubblici. Ma le tabelle della relazione tecnica svelano l’arcano.

Finanza locale, Decaro scrive a Salvini: “Erogare con urgenza le risorse mancanti del Fondo di solidarietà comunale 2018”

Erogare con urgenza ai Comuni le risorse del Fondo di solidarietà comunale 2018, come da Dpcm dello scorso 7 marzo che prevede l’assegnazione in due rate (maggio e ottobre 2018) da parte del ministero dell’Interno. E’ quanto chiede il presidente dell’Anci, Antonio Decaro, in una lettera inviata al ministro Matteo Savini.
Sulla base di questa previsione in due tranche, fa notare Decaro “i Comuni fanno affidamento sulla corresponsione della seconda rata entro ottobre” che “pur non corrispondendo per motivi tecnici al totale spettante negli anni passati è sempre stata vicina al 95%”.

Per un nuovo accesso civico generalizzato (FOIA)

Pubblicato sulla rivista on line Amministrazione in cammino un articolo di Fulvio Albanese dal titolo Per un nuovo accesso civico generalizzato (FOIA).
Questo il sommario: 
Premessa – 1. Due istituti diversi “Accesso civico” e “Accesso civico generalizzato” all’interno di un solo articolo. – 2. Impossibilità di “Accesso civico generalizzato” alle informazioni. – 3. Mancanza del termine entro cui presentare il ricorso stragiudiziale. – 4. Prevedere soltanto la via del ricorso gerarchico improprio. – 5. La Commissione per l’accesso ai documenti amministrativi. – 6. L’effetto deflattivo dell’attività stragiudiziale della Commissione. – 7. Il Difensore civico. – 8. Obbligatorietà del ricorso preventivo alla Commissione o al Difensore civico. – 9. La riscrittura degli articoli che disciplinano l’accesso civico e l’accesso civico generalizzato.

La nuova trasparenza amministrativa: un bilancio a due anni dal 'FOIA Italia'

Pubblicato sulla rivista on line Federalismi.it un articolo di Gianluca Gardini, Professore ordinario di Diritto amministrativo presso l'Università degli Studi di Ferrara, dal titolo La nuova trasparenza amministrativa: un bilancio a due anni dal 'FOIA Italia'.

Questo il sommario:

1. FOIA Italia: diritto individuale o strumento anticorruzione? 2.A chi appartengono le informazioni pubbliche? 3. Dalla trasparenza come mezzo alla trasparenza come fine; 4. Le conseguenze dell’ambigua natura dell’accesso civico; 5. L’assenza di una autorità indipendente preposta all’enforcement del FOIA; 6. Alcune questioni operative: i rimedi contro i silenzi dell’amministrazione; 7. Segue: i rimedi contro l’inottemperanza dell’amministrazione alla decisione del Difensore civico; 8. Brevi conclusioni.

giovedì 1 novembre 2018

Manovra, Mattarella ha firmato. Il Testo bollinato del Disegno di legge e la relazione tecnica

Il capo dello Stato Sergio Mattarella ha firmato l'autorizzazione alla presentazione alle Camere del disegno di legge di bilancio. Esce in extremis dalla manovra la tassa sulla pesca sportiva. Sul filo di lana sale invece sul treno del provvedimento un rifinanziamento da tre milioni per il fondo destinato alle politiche migratorie. A differenza del taglio alle pensioni d’oro, che non è riuscito a farsi largo nel testo ma che dovrebbe rientrare attraverso un emendamento nel corso dell’iter parlamentare.

Ddl concretezza - La nota di osservazioni e proposte emendative Anci-Upi allo schema di decreto presentato in Unificata

Pubblicata sul sito Anci la nota di osservazioni e proposte emendative Anci-Upi sullo schema di disegno di legge sulla concretezza delle azioni delle pubbliche amministrazioni e la prevenzione dell'assenteismo. Il ddl, collegato alla legge di bilancio, è stato approvato dal Consiglio dei Ministri nella riunione dello scorso 25 ottobre ed è stato trasmesso alla Conferenza Unificata per l’acquisizione del parere.

Il ddl, suddiviso in 6 articoli, individua 5 ambiti tematici specifici: istituzione di un nuovo organismo di controllo “collaborativo”, denominato Nucleo della Concretezza; introduzione di nuove misure di contrasto dell’assenteismo; previsione di una disciplina derogatoria per i fondi destinati al trattamento economico accessorio del personale; modifica della disciplina del turn-over per il personale dell’amministrazione statale e semplificazione delle procedure di reclutamento; soluzione delle problematiche concernenti la fornitura di buoni pasto. 

La nota intende quindi fornire una rappresentazione sintetica dei contenuti di maggior rilievo, con le relative osservazioni e proposte di emendamento.

Competenze attribuite al Nucleo della concretezza e funzioni dei segretari comunali

"Le competenze attribuite al Nucleo della concretezza appaiono peraltro sovrapporsi anche a quelle attribuite ai segretari comunali e provinciali dall’art. 97 TUEL (funzioni di assistenza giuridicoamministrativa nei confronti degli organi dell'ente in ordine alla conformità dell'azione amministrativa alle leggi, allo statuto ed ai regolamenti)".

"Concretezza P.A.": parere negativo sul disegno di legge delle Regioni

Al termine della Conferenza Unificata del 31 ottobre il ministro alle Pa Giulia Bongiorno, non nasconde il proprio disapputo sull'esito del confronto con Regioni ed enti locali sul disegno di legge Concretezza della P.a. "Ci chiedono che ci sia l'intesa forte, cioè che di fronte all'azione che io prevedo in questa legge di aiuto alle singole Pubbliche Amministrazioni, ci sia sempre un'intesa. Lo spirito - ha spiegato il ministro - è quello di far applicare la legge e non credo che il ministero o lo Stato debbano avere un'intesa per far applicare la legge dello Stato. Ho pregato di meditare bene perché non sto prevedendo nuove responsabilità a carico dei loro dirigenti, chiedo solo l'applicazione della legge già esistente. E' un mio dovere farla applicare ed evitare di appesantire le procedure per le correzioni con intese, altrimenti parliamo di di semplificazione e poi ogni cosa dev'essere oggetto di negoziazioni e tavoli. Se la loro posizione resta questa - ha concluso il ministro - io vado avanti così".

Decreto sicurezza, ok in commissione (la bozza degli emendamenti approvati)

La commissione Affari costituzionali del Senato ha dato il via libera al decreto sicurezza, conferendo il mandato al relatore a riferire in Aula. Il provvedimento sarà all'esame dell'assemblea da lunedì 5 novembre. "Ok al decreto dalla commissione del Senato. Lunedì il testo va in Aula: nessuna polemica e maggioranza compatta nel nome della sicurezza. Dalle parole ai fatti!" ha detto il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, dopo il via libera.

Camera: sì alle disposizioni urgenti per Genova

La Camera ha approvato il disegno di legge di conversione in legge del decreto-legge 28 settembre 2018, n. 109, recante disposizioni urgenti per la città di Genova, la sicurezza della rete nazionale delle infrastrutture e dei trasporti, gli eventi sismici del 2016 e 2017, il lavoro e le altre emergenze (C. 1209-A). Il provvedimento passa ora all'esame del Senato.

mercoledì 31 ottobre 2018

Diritti di rogito: i contenziosi ancora aperti producono sentenze negative per le Amministrazioni

La sentenza del Tribunale di Ancona n. 348 del 24 ottobre 2018 impone di affrontare il tema dei diritti di rogito approfondendo la tematica dei contenziosi in corso. Infatti, nella sentenza del giudice del lavoro di Ancona, pur prendendo atto che il Comune aveva provveduto, dopo la decisione della Sezione Autonomie della Corte dei conti n. 18/2018, al pagamento delle somme dovute al segretario e che, pertanto, in merito all’oggetto principale della controversia vi era stata la cessazione della materia del contendere, il segretario ha comunque insistito sulla condanna alla rivalutazione ed interessi, nonché sulla condanna alle spese di lite. Il Tribunale adito, ha concluso ritenendo la rivalutazione egli interessi dovuti, nella misura di legge, ex art.429 cpc. e, applicando il principio della soccombenza (sostanzialmente) virtuale del comune, lo ha condannato al pagamento del 50% delle spese di lite, in quanto ha seguito “l’orientamento indicato (e poi abbandonato, in corso di causa) dalla Corte dei conti sulla specifica questione, così al fine riconoscendo spontaneamente il diritto. Ciò giustifica la parziale compensazione delle spese”.

Le corrette modalità di convocazione del consiglio comunale

Due recenti sentenze dei giudici amministrativi hanno analizzato il tema delle corrette modalità di convocazione del consiglio comunale, analizzando il tema dell’eventuale sanatoria nei casi in cui l’avviso della convocazione non sia stato regolarmente effettuato. In un caso la convocazione è stata effettuata a mezzo PEC assegnata ai consiglieri dal Comune, secondo quanto previsto dal regolamento per il consiglio comunale, per le comunicazioni (fattispecie oggetto della sentenza del Consiglio di Stato, Sez. V, n. 6042 del 24 ottobre 2018); in altro caso l’avviso di convocazione era stato consegnato con modalità differenti a quelle previste dal regolamento del consiglio comunale (TAR Campania, Sez. I, sentenza n. 6129 del 22 ottobre 2018).

Il 9 novembre la terza giornata di Formazione dell'UNSCP Lazio sulla prevenzione della corruzione

Come preannunciato in precedenti articoli, si terrà il 9 novembre a Roma, dalle ore 9 alle 14, la terza giornata di formazione del percorso di aggiornamento su personale, contratti, anticorruzione e competenze manageriali organizzato dall'UNSCP-Lazio, con il patrocinio di ANCI Lazio. Il Seminario si svolgerà presso la SALA IFEL - Auditorium Aldo Moro - con ingresso in Via Campo Marzio n. 24.
Il tema della giornata sarà LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE – UNI ISO 37001:2016.
Docenti saranno Salvatore MATTEIAlessandro D’AMICO.

Dipendenti pubblici, 4,2 mld ai contratti in tre anni. Per il 2019 sul piatto 1,1 mld. Ancora nulla per il rinnovo dei contratti 2016/2018 della dirigenza sanitaria

Aumentano le risorse per il rinnovo del contratto dei dipendenti pubblici: nell’ultima bozza i fondi salgono a 4,3 miliardi nel triennio 2019-2021 rispetto ai 3,2 miliardi previsti precedentemente. Ma nonostante i tanti proclami, fa notare la segreteria Fvm, manca ancora la copertura finanziaria per i contratti dirigenziali della dirigenza medica, veterinaria e sanitaria 2016/18 relativa al riconoscimento nella massa salariale dell’indennità di esclusività di rapporto e al recupero della Retribuzione Individuale di Anzianità dei pensionati che, abolito l’art. 23 del dlgs. 75/17, deve finanziare il contratto al fine di rilanciare le carriere professionali, le posizioni e il merito dei medici, dei veterinari e dei sanitari.

Dipendenti pubblici, più fondi per il contratto: piano straordinario di assunzioni. Ecco le misure previste per il pubblico impiego

Il governo aumenta i soldi stanziati nella manovra di bilancio per rinnovare il contratto dei dipendenti statali. Rispetto alla precedente bozza, quella più aggiornata, fatta trapelare ieri, prevede 1,1 miliardi di euro (invece di 1,050) nel 2019, 1,425 (anzichè 1,075) nel 2020 e 1,775 (invece di 1,125) nel 2021. In totale sono 4,2 miliardi in un triennio, anche se ai fini del contratto le cifre non si possono sommare anno per anno. Una volta concesso un aumento di 1,1 miliardi il primo anno, infatti, quella spesa rimane sempre costante.

Acquisti in rete PA: una guida completa all’uso del mercato elettronico

Il portale acquisti in rete PA è utile per migliorare gli acquisti pubblici di beni e servizi ottimizzando la spesa pubblica, semplificando i processi di fornitura e di acquisto in modo innovativo e trasparente.

Non sempre il MePA esonera dalla selezione gli acquisti sottosoglia

Il ricorso al MePA non esonera la Stazione appaltante da una preventiva fase di selezione. Questo è quanto stabilito dal Consiglio di Stato con la sentenza n. 5833 del 2018, il quale afferma che, anche laddove l’Amministrazione sia obbligata a scegliere operatori economici presenti sul mercato elettronico, deve comunque provvedere ad esperire una indagine esplorativa o, quantomeno, specificare i criteri utilizzati per la selezione.

martedì 30 ottobre 2018

Il Rup può essere anche commissario di gara (Cons. St. sent. n. 6082 del 26 ottobre 2018)

Nella vigenza del nuovo Codice dei contratti, ai sensi dell’art. 77, comma 4, d.lgs. n. 50 del 2016, nelle procedure di evidenza pubblica, il ruolo di Rup può coincidere con le funzioni di commissario di gara e di presidente della commissione giudicatrice, a meno che non sussista la concreta dimostrazione dell'incompatibilità tra i due ruoli, desumibile da una qualche comprovata ragione di interferenza e di condizionamento tra gli stessi (1).

Il contratto di appalto lo deve firmare il RUP o il responsabile del Settore LL.PP.?

Sui rapporti tra R.U.P. e Dirigenti, parte della dottrina ritiene che, sulla scorta del bando-tipo 1/2017, l’A.N.A.C. abbia disegnato, per gli appalti, un modello di procedimento amministrativo speciale e peculiare, diverso da quello indicato dalla legge n° 241/1990, tale da giustificare l’attribuzione al R.U.P. di competenze gestionali dirigenziali.

Si osserva, in sintesi, che, sulla base delle indicazioni del bando-tipo, il R.U.P., anche se non rivesta la qualifica di dirigente o l’incarico di responsabile di servizio dell’ente locale privo di dirigenza, e di conseguenza non sia dotato delle competenze di cui agli articoli 16-17 del d.lgs. n° 165/2001 e dell’articolo 107 del d.lgs. n° 267/2000, possa, comunque, adottare “provvedimenti di tipo definitivo”. Segnatamente l’esclusione degli operatori economici non in regola rispetto alle disposizioni del bando per carenza dei requisiti richiesti, come anche l’esclusione del potenziale aggiudicatario laddove la sua offerta sia stata valutata come anomala a seguito del connesso procedimento di verifica.

XXXV Assemblea Anci, Polizia locale: VII Rapporto nazionale e premio sicurezza urbana 2018

Si è tenuto giovedì 25 ottobre alle ore 14.00 nell’ambito della XXXV Assemblea Annuale Anci, presso il complesso fieristico di Rimini, l’annuale appuntamento di presentazione del Rapporto nazionale sull’attività della Polizia locale giunto alla VII edizione e la Consegna del Premio Anci Sicurezza Urbana 2018, patrocinato dal Ministero dell’Interno. 
L’iniziativa è stata l’occasione per presentare i dati, unici in Italia, sul lavoro delle Polizie locali anche alla luce delle novità legislative in tema di sicurezza urbana ed integrata nonché, attraverso il Premio, per valorizzare i migliori progetti e le migliori operazioni dei Comandi e dei singoli operatori. Ogni anno con il Rapporto nazionale si racconta uno spaccato significativo del nostro Paese. Quest'anno 157 comandi delle Polizie Locali dei comuni capoluogo di provincia e dei comuni con popolazione superiore ai 50.000 abitanti hanno partecipato attivamente fornendo le informazioni sulle rispettive realtà, in cui abitano complessivamente 21 milioni di italiani, per descrivere il lavoro condotto dagli operatori delle Polizie Locali ponendo l'attenzione sull'attività quotidiana a sostegno della legalità e della sicurezza.

La legittimazione ad agire in giudizio dell’ANAC e il Regolamento sull’esercizio dei poteri attribuiti dall’art.211, commi 1-bis e 1-ter del D.Lgs. n.50/2016

Pubblicato sulla rivista on line italiAppalti un articolo di Carmela Pluchino dal titolo La legittimazione ad agire in giudizio dell’ANAC e il Regolamento sull’esercizio dei poteri attribuiti dall’art.211, commi 1-bis e 1-ter del D.Lgs. n.50/2016.
Questo il sommario:
1.L’attività regolatoria e di vigilanza dell’ANAC; 2.I precedenti casi di legittimazione ad impugnare; 3.La legittimazione attiva dell’ANAC, ai sensi dei commi 1-bis e 1-ter dell’art.211 del Codice dei contratti pubblici; 4.Il Regolamento ANAC del 13.06.2018; 5.Considerazioni conclusive.

Le indicazioni dell’Anci per il rinnovo del contratto decentrato

Sottolineatura della importanza che assume la contrattazione decentrata integrativa e del rilievo innovativo delle disposizioni sul sistema delle relazioni sindacali e su quello di classificazione del personale, sulle posizioni organizzative (con particolare riferimento al loro finanziamento a carico del bilancio in tutti gli enti, ivi compresi quelli con i dirigenti), sulle progressioni economiche, sulla disciplina per i piccoli comuni e le gestioni associate, sulle specifiche professionalità della polizia locale e sulla disciplina dei fondi per il salario accessorio. Possono essere così sintetizzate le principali indicazioni contenute nel quaderno operativo n. 14 dell’Anci “CCNL 21 maggio 2018 prima applicazione: il contratto integrativo ed il fondo risorse decentrate”, Istruzioni tecniche, Linee Guida, Note e modulistica”. Si deve evidenziare che il documento riassume le regole in vigore per la costituzione del fondo per la contrattazione decentrata e che contiene anche la elencazione delle norme dei precedenti contratti che sono state disapplicate dalla citata intesa del 21 maggio.

Pubblica amministrazione, 140mila assunti in arrivo. Turn over al 100%, ma occorre vedere se i concorsi reggeranno il ritmo. Il caso sanità

Tante. Ma quando? Da tempo la pubblica amministrazione ha messo in programma per l’anno prossimo l’avvio di una maxi-staffetta generazionale chiamata a cambiare aria in uffici invecchiati dall’effetto combinato di limiti alle assunzioni e riforma Fornero. Ora la manovra in corso di faticosa costruzione prova ad accelerare negli anni il passo in tre modi. Con il disegno di legge Bongiorno approvato giovedì in consiglio dei ministri apre ministeri e altri enti centrali al turn over al 100% già previsto per i Comuni; e con svariati articoli sparsi nelle bozze della legge di bilancio mette in pista per i prossimi tre anni una serie di assunzioni aggiuntive, in deroga anche al nuovo turn over, per rafforzare gli organici di forze di polizia, uffici giudiziari, enti di ricerca e ministeri.

Pensioni, quota 100 con Ddl collegato. «Preavviso» per la Pa. Secondo uno studio Fp Cgil, nel triennio 2019-2021 500mila statali in uscita

Una partita ancora aperta, anche se con l’esito che appare già segnato. È quella che si gioca sul terreno previdenziale per quota 100 dei dipendenti pubblici. Ieri il ministro della Pubblica amministrazione, Giulia Bongiorno, ha affermato che per l’accesso alla pensione degli “statali” «si farà una norma ad hoc». Ma, al momento, per gli statali resta probabile un’unica eccezione: un’uscita articolata su due sole finestre l’anno (la prima probabilmente a giugno), preavviso compreso, rispetto alle quattro previste per i dipendenti privati e gli autonomi.

Turn over, prestazioni occasionali, assunzioni e stabilizzazioni

Pubblicata sul quotidiano del Sole24Ore Enti Locali & PA la rubrica settimanale di Gianluca Bertagna con le indicazioni sintetiche delle novità normative e applicative intervenute in tema di gestione del personale nelle pubbliche amministrazioni.

La Sezione Veneto della Corte dei conti: IRAP e oneri riflessi sui diritti di rogito a carico degli enti. Chiarimenti anche sul concetto di stipendio in godimento

Riservandomi un successivo approfondimento, segnalo la deliberazione della Corte dei conti, Sez. Veneto, n. 400 del 18 ottobre 2018, con la quale la sezione è intervenuta in modo incisivo su tre questioni di particolare interesse riguardanti i diritti di rogito.
Dopo la deliberazione n. 18/2018 della Sezione Autonomie, che ha chiarito definitivamente la spettanza dei diritti di rogito per i segretari in servizio presso gli enti privi di dirigenti, a prescindere dalla fascia di appartenenza degli stessi, la deliberazione della Sezione Veneto chiarisce:

lunedì 29 ottobre 2018

Candiani: “Riscriviamo le regole partendo dal Tuel, continue soluzioni tampone riducono efficacia”

“Riscrivere le regole che stanno alla base delle nostre autonomie locali, partendo dal Testo unico degli enti locali. Riscrivere i rapporti finanziari con il principio della responsabilità, per evitare tutti gli anni di rincorrere scadenze finanziarie e relative proroghe”. Lo ha detto il sottosegretario al ministero dell’Interno, Stefano Candiani, intervenuto alla giornata conclusiva della XXXV assemblea annuale Anci di Rimini.

domenica 28 ottobre 2018

Aggiornamento 2018 al Piano Nazionale Anticorruzione (Consultazione on line. Invio contributi entro il 15 novembre 2018)

E’ in consultazione fino al 15 novembre 2018 l’Aggiornamento 2018 del Piano Nazionale Anticorruzione, l’atto di indirizzo rivolto alle amministrazioni pubbliche per contrastare il rischio di fenomeni corruttivi. 
Agenzie fiscali, gestione dei fondi strutturali e per le politiche di coesione, gestione dei rifiuti, semplificazioni per i piccoli comuni sono gli specifici approfondimenti di quest’anno, elaborati proprio con l’intento di aiutare le amministrazioni ad adottare apposite misure di prevenzione.
Per la predisposizione degli approfondimenti, come avvenuto negli anni scorsi, l’ANAC ha costituito appositi tavoli tecnici ai quali hanno preso parte le amministrazioni direttamente interessate e i principali operatori dei settori coinvolti.

Il concorso per Segretari: la risposta ad un'interrogazione del Ministero dell'interno

Con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 24 aprile 2018, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 132 del 9 giugno 2018, il Ministero dell'interno è stato autorizzato ad avviare le procedure concorsuali e le relative assunzioni di 224 segretari comunali e provinciali.
Con Atto di Sindacato Ispettivo n° 4-00278 il Senatore Laforgia ha chiesto al Ministro dell'interno "se non ritenga opportuno assumere tutte le iniziative necessarie affinché vengano accelerati i tempi di pubblicazione del bando di concorso da indire per i nuovi segretari comunali e provinciali; se non ritenga opportuno, in attesa del concorso, assumere le iniziative necessarie per coprire i posti vacanti."

Segretari da assumere subito

L'Anpci condivide la proposta lanciata dal segretario regionale del Piemonte dell'Unione nazionale segretari comunali e provinciali (Unscp), Luca Costantini, di reclutare, nell'ambito del nuovo corso concorso per 297 aspiranti segretari, una quota non superiore alla metà del fabbisogno complessivo direttamente mediante la sola fase concorsuale con conseguente immissione diretta nell'Albo al superamento del concorso. 

Le indicazioni Aran per l’applicazione del contratto nazionale

Gli enti hanno l’obbligo di destinare fin dal 2018 la gran parte della quota variabile del fondo per la contrattazione decentrata alla erogazione della produttività e delle indennità più direttamente collegate alle modalità di svolgimento delle prestazioni lavorative. I D3 giuridici possono partecipare alla mobilità volontaria, anche se la stessa viene indetta per un posto di D1 giuridico. Non è oggetto né di confronto né di partecipazione la definizione delle risorse da destinare alla indennità di risultato dei titolari di posizione organizzativa. I permessi per ragioni personali e/o familiari non possono essere goduti per una frazione inferiore all’ora. Sono queste alcune delle più importanti indicazioni fornite dall’Aran in risposta ai quesiti posti dalle regioni sull’applicazione del nuovo contratto collettivo nazionale di lavoro del 21 maggio 2018.

Copertura finanziaria dei debiti fuori bilancio ed imputazione della relativa spesa in funzione della scadenza dell’obbligazione giuridica (Sez. Autonomie n. 21/2018)

La sezione Autonomie della Corte dei conti con deliberazione n. 21/2018 ha fornito risposta ad una richiesta di parere inoltrata dall'ANCI in merito alla copertura finanziaria dei debiti fuori bilancio ed alla imputazione della relativa spesa in funzione della scadenza dell’obbligazione giuridica.
Queste le conclusioni cui è giunta la Sezione Autonomie:

Due domande e due risposte sul fondo

Pubblicate sul sito di Gianluca Bertagna due domande e due risposte sul fondo per il salario accessorio con riferimento al nuovo CCNL.