Collepardo (Fr)

Collepardo (Fr)
Collepardo (Fr)

venerdì 4 gennaio 2019

Referto della Sezione Autonomie della Corte dei conti su “Gli organismi partecipati dagli enti territoriali" (deliberazione n. 23/SEZAUT/2018/FRG)

Con il referto 2018 su “Gli organismi partecipati dagli enti territoriali”, la Sezione delle autonomie della Corte dei conti prosegue nell’impegno di monitorare le partecipazioni nelle società pubbliche, riformate con d.lgs. n. 175/2016. Nella relazione sono esaminati i risultati delle gestioni delle partecipate, anche in rapporto con i movimenti contabili (entrate e spese) intercorrenti con gli enti territoriali, per mettere in luce la proficuità delle aziende pubbliche e le ricadute complessive sulla finanza territoriale. Gli organismi operanti nei servizi pubblici locali sono soltanto il 37,21% del totale, pur rappresentando il 73,17% del valore della produzione complessivo. 

Legge di bilancio 2019: una parte del maggiore gettito IMU e TARI può destinarsi al trattamento accessorio del personale dipendente

Il comma 1091 dell'art. 1 della L. 145/2018 (Legge di bilancio 2019) interviene, innovando la disciplina, in tema di trattamento accessorio del personale dipendente, anche di qualifica dirigenziale, che si occupa di accertamenti dell’imposta municipale propria e della TARI.
Nella nota ANCI-Ifel di lettura della legge di bilancio si legge espressamente:

Legge di bilancio 2019: sintesi delle disposizioni di interesse per i comuni

La Legge di Bilancio 2019 (legge 30 dicembre 2018 n. 145), contiene numerose disposizioni di interesse per i Comuni. 
In un articolo di Carlo Rapicavoli pubblicato sul sito quotidianolegale.it una sintesi delle disposizioni di interesse per i comuni.

Nota operativa ANCI sulle assunzioni del personale di polizia locale

Pubblicata sul sito Anci la nota operativa sulle assunzioni del personale di polizia locale, ex articolo 35bis del DL 113/2018 convertito con modificazioni in legge n. 132/2018, redatta al fine di supportare i Comuni nell’attuazione della disciplina derogatoria, introdotta dalla stessa legge di conversione del dl 113/2018.

Alla Corte di Giustizia Ue l’autonomia dei comuni nell’affidamento ad una centrale di committenza a due soli modelli organizzativi

Deve essere rimessa alla Corte di giustizia le questioni: a) se osta al diritto comunitario una norma nazionale, come l’art. 33, comma 3-bis, d.lgs. 12 aprile 2006, n. 163 che limita l’autonomia dei Comuni nell’affidamento ad una centrale di committenza a due soli modelli organizzativi quali l’unione dei comuni se già esistente ovvero il consorzio tra comuni da costituire; b) se osta al diritto comunitario, e, in particolare, ai principi di libera circolazione dei servizi e di massima apertura della concorrenza nell’ambito degli appalti pubblici di servizi, una norma nazionale come l’art. 33, comma 3 bis, n. 163 del 2006 che, letto in combinato disposto con l’art. 3, comma 25, dello stesso decreto, in relazione al modello organizzativo dei consorzi di comuni, esclude la possibilità di costituire figure di diritto privato quali, ad es., il consorzio di diritto comune con la partecipazione anche di soggetti privati; c) se osta al diritto comunitario e, in particolare, ai principi di libera circolazione dei servizi e di massima apertura della concorrenza nell’ambito degli appalti pubblici di servizi, una norma nazionale, come l’art. 33, comma 3 bis, che, ove interpretato nel senso di consentire ai consorzi di Comuni che siano centrali di committenza di operare in un territorio corrispondente a quello dei comuni aderenti unitariamente considerato, e, dunque, al massimo, all’ambito provinciale, limita l’ambito di operatività delle predette centrali di committenza (1).

Esercizio provvisorio in arrivo

Numerosi enti locali non approveranno il bilancio di previsione entro la fine dell’anno, usufruendo della proroga del termine al 28 febbraio disposta dal decreto ministeriale del 7 dicembre 2018 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 17 dicembre 2018 n. 292). Dall'inizio del prossimo anno, pertanto, si troveranno pertanto a operare in esercizio provvisorio. Ripercorriamone brevemente le caratteristiche essenziali.

Legge di Bilancio 2019: dall’Agenzia delle Entrate la sintesi delle misure tributarie

La legge di bilancio 2019 (legge 30 dicembre 201, n.145) è in vigore dall’1 gennaio 2019. Come sempre sono numerose le disposizioni di interesse fiscale tra conferme, proroghe, rimodulazioni, abrogazioni e novità.
In una tabella, predisposta dall’Agenzia delle Entrate, sono elencate (con l’indicazione dei commi di riferimento dell’articolo 1 della legge) le principali disposizioni di carattere tributario.

mercoledì 2 gennaio 2019

Legge di bilancio 2019: la prima nota di lettura Anci Ifel

Pubblicata sul sito ANCI la prima nota di lettura Anci Ifel alla Legge di bilancio 2019 sulle norme di interesse degli Enti locali. La nota riporta i contenuti della legge articolati per i diversi temi di interesse.

Legge di Bilancio 2019: Principali disposizioni di interesse per le Province

Pubblicata sul sito della Provincia di Treviso una nota del Direttore  Generale, Carlo Rapicavoli, con cui sono illustrate le principali disposizioni contenute nella Legge di Bilancio 2019 di interesse per le Province (alcune delle norme segnalate riguardano anche i comuni).

Aggiornati i compensi dei revisori dei conti

Con Decreto interministeriale del 21 dicembre 2018 è stato disposto l'adeguamento dei compensi annui dei revisori dei conti degli enti locali.

lunedì 31 dicembre 2018

Sesto Corso-concorso "CO.A 6" - In Gazzetta il bando di concorso

Con decreto prot. n. 13722 del 18 dicembre 2018 del Prefetto responsabile della gestione dell’Albo dei segretari comunali e provinciali è indetto il concorso pubblico, per esami, per l’ammissione di 291 (duecentonovantuno) borsisti al sesto corso-concorso selettivo di formazione per il conseguimento dell’abilitazione richiesta ai fini dell’iscrizione di 224 (duecentoventiquattro) segretari comunali nella fascia iniziale dell’albo di cui all’art. 98 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267.

In Gazzetta Ufficiale la Legge di Bilancio 2019 (L. n. 145 del 30 dicembre 2018)

Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale - Serie Generale n.302 del 31-12-2018 - Suppl. Ordinario n. 62 - la Legge n. 145 del 30 dicembre 2018 "Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2019 e bilancio pluriennale per il triennio 2019-2021".

Legge di Bilancio: Dossier del servizio Studi di Camera e Senato

Il servizio Studi di Camera e Senato ha pubblicato due dossier riguardanti la Legge di Bilancio 2019 approvata definitivamente dalla Camera dei Deputati (L. 145/2018):

Legge di Bilancio 2019: esteso l'affidamento diretto per i lavori pubblici fino a 150 mila euro

Con l’articolo 1, comma 912, della L. n. 145/2018 (pag. 159 del testo in Gazzetta) è introdotta, fino al 31 dicembre 2019 e nelle more di una complessiva revisione del Codice dei contratti pubblici, una deroga alle procedure di affidamento dei contratti pubblici di lavori, al fine di elevare la soglia prevista per l’affidamento di lavori con procedura diretta fino a 150.000 euro, e applicare la procedura negoziata, previa consultazione, ove esistenti, di almeno dieci operatori economici, per lavori da 150.000 fino a 350.000 euro.

Legge di bilancio 2019: Limite di anticipazione di tesoreria a quattro dodicesimi

Con l’articolo 1, comma 912, della L. n. 145/2018 (pag. 157 del testo in Gazzetta) il limite massimo di ricorso da parte degli enti locali ad anticipazioni di tesoreria, di cui al comma 1 dell'articolo 222 del testo unico di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, è elevato a quattro dodicesimi per l'anno 2019.
Questo il testo della norma: